Massaggi linfodrenanti

/sites/default/files/styles/cover/public/2017-12/fuoco.jpg?itok=puh7JsU6

Questo massaggio ha lo scopo di sbloccare e far fluire nei canali la linfa che è presente nel nostro corpo, la quale viaggia parallelamente al sangue, e che ha l’importante funzione di purificare dei tessuti. La linfa attraversa il corpo passando per i cosiddetti linfonodi, cioè i filtri che, grazie all’azione dei linfociti, difendono l’organismo. Le manovre effettuate dalle mani del massaggiatore hanno quindi lo scopo di sbloccare gli eventuali nodi e offrire sollievo ai tessuti, “pulendoli” dalle scorie in eccesso.

Normalmente il linfodrenaggio viene usato in estetica, per combattere il ristagno di liquidi e gli inestetismi della cellulite (la causa del suddetto ristagno) ma viene utilizzato anche in campo medico in quanto molto utile sia prima che dopo un’operazione chirurgica. La tecnica facilita l’assorbimento dei liquidi presenti sotto l’epidermide, come ad esempio in caso di mastoplastica o di rinoplastica, ed è efficace per far diminuire il gonfiore delle parti interessate e coadiuvando la guarigione completa, facendo riassorbire eventuali edemi.